fbpx

MONOPATTINO ELETTRICO: record di multe

MONOPATTINO ELETTRICO: record di multe

MONOPATTINO ELETTRICO: record di multe

Monopattino elettrico. Raffica di multe e controlli in tutte le città italiane. Sanzione da 5mila euro a Modena.

Website Comune di Modena: “Si possono ritenere acceleratori di andatura, salvo che superino la velocità di 6 Km/h nel qual caso sono da considerare ciclomotori”. Applicando l’art. 116 del C.d.S., gli agenti della Polizia Locale hanno contestato l’assenza del titolo di guida a un uomo fermato un mese fa. Si è arrivati alla cifra di 5.110 euro di sanzione a un trentenne punito per aver girato nel centro di Modena in monopattino senza patente. Le multe sui mezzi elettrici ‘fioccano come nespole’, come direbbe Aldo Biscardi.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha fissato caratteristiche precise che le città devono recepire nel regolamentare circolazione e sosta dei monopattini, hoverboard, ecc. Lo sdoganamento dei mezzi ha ingenerato la falsa aspettativa di poter girare ovunque e con qualsiasi cosa. Il Commissario Francesco Crudo spiega: “Qui non c’entra il decreto Toninelli che ha appena dato il via libera alla sperimentazione. Modena non ha ancora deliberato. E comunque questo veicolo non potrebbe nemmeno essere ricompreso in quei canoni perché ha caratteristiche non adeguate, ad esempio il seggiolino per il conducente […]. Poi bisogna capirsi. La parola monopattino comprende tante cose diverse. Dalla più banale, il giocattolo, a questi che hanno potenze equiparabili a un ciclomotore. Il Codice quando parla di veicoli non distingue il tipo di alimentazione”.

Il limite di velocità dei micro veicoli è di 20Km/h sulle piste ciclabili e Zone 30, mentre nelle aree pedonali non deve superare i 6Km/h. Per multare chi gira in monopattino e simili il conducente va fermato e identificato nell’immediato. Secondo Palazzo Marino, questi strumenti sono utili se usati bene e non c’è ossessione vessatoria verso di loro. Anche se a Milano, dal 27 luglio a ieri, sono state elevate una dozzina di multe di importi compresi tra 26 e 99 euro. Con la necessaria delibera di giunta, la città ha aderito al piano della mobilità ecologica.

Il Comandante della Polizia Locale di Verona e dirigente Anci, Luigi Altamura, vede chiari segnali di caos. “Il codice della strada indica quali sono i veicoli. E questi mezzi non lo sono. La sperimentazione rischia di creare confusione. Perché un Comune aderisce e magari quello vicino no, quindi lì i mezzi sono vietati; perché un comando applica una norma e l’altro no. Tutto questo si sarebbe evitato inserendo regole precise nel codice. Senza lasciare mano libera alla discrezionalità. Invece si è deciso per la sperimentazione anche per un problema di tempi. La strada della mini riforma si annuncia lunghissima, manca ancora il parere della commissione Bilancio”.

Fonte: QUOTIDIANO.NET

Hai ricevuto una multa? Contestala con VINCO.NET