MULTE: “Blocchiamo le auto” degli stranieri che non pagano

MULTE: “Blocchiamo le auto” degli stranieri che non pagano

Per chi non salda i debiti delle multe, Alessio Butti (FdI) chiede il fermo amministrativo: “Questione di giustizia, cambiare il codice della strada”.

Alessio Butti, deputato di Fratelli d’Italia, ha presentato una proposta di legge per modificare il Codice della Strada. L’obiettivo è di costringere chi ha accumulato debiti con lo Stato italiano a saldarli se ritorna sul territorio italiano, pena il fermo amministrativo del veicolo. “Se io commetto una violazione al Codice della Strada vengo sanzionato e pago la multa. Se lo fa un’auto con targa straniera nella maggior parte dei casi viene sanzionato e non paga alcunché. Questo perché c’è un vuoto normativo che va colmato. Questione di giustizia”.

La proposta di legge

A Milano, saldate solo 49mila delle 117mila sanzioni notificate a stranieri. L’avvocato Claudio Ghislanzoni chiarisce che i mancati pagamenti delle multe “hanno effetti molto pesanti sui bilanci dei Comuni”. Per permettere che i mancati pagamenti possano essere visti da tutte le amministrazioni, la proposta di legge comprende anche la creazione di una banca dati. La proposta di modifica prevede l’aggiunta di un comma all’art. 207 del Codice della Strada. Sostanzialmente, nel caso in cui la violazione non possa essere contestata immediatamente, il verbale “entro 120 giorni dall’accertamento deve essere inoltrato al proprietario del veicolo”. Inoltre, “essere registrato in una banca dati consultabile da tutte le forze di polizia”. E, “se nel termine di 60 giorni dalla comunicazione, il proprietario del veicolo non effettua il pagamento […], viene disposto il fermo amministrativo […]”.

Ci si aspetta che chi riceve la prima notifica paghi il debito per non rischiare l’applicazione del fermo amministrativo. Se il veicolo ritorna nel territorio italiano, questa modifica di legge presentata in commissione Trasporti, consentirà ai Comuni di incassare il pregresso.

Il segretario di Fratelli d’Italia della provincia di Como Stefano Molinari interviene sul tema. “Attualmente è impossibile contestare le multe pregresse. Se ad esempio uno straniero ha mille euro di arretrati, viene fermato per una sanzione di 60 euro pagherebbe solo quest’ultima. Ma così non va bene”.

Fonte: La Provincia

Hai ricevuto una multa? Contestala con VINCO.NET